45a Edizione – 2024

La Fiera Nazionale dell’Agricoltura di Santo Stefano, in programma dal 1 al 5 agosto 2024, si presenta come un appuntamento imperdibile che intreccia le radici della tradizione agricola Veneta con le sfide e le opportunità della rivoluzione tecnologica. Dal 2021, l’evento è stato riconosciuto dalla Regione del Veneto come Fiera Nazionale dell’agricoltura, un traguardo raggiunto grazie agli sforzi dell‘Assessore allo Sviluppo Economico e Attività Produttive, Roberto Marcato, e al supporto del consigliere Fabiano Barbisan, figura chiave nel panorama agricolo locale.

Con 40.000 metri quadrati di spazio espositivo, messi a disposizione dal Comune di Concordia Sagittaria, la fiera si arricchisce di nuove sezioni dedicate all’artigianato e al commercio, oltre ai tradizionali settori agroalimentare, caseario, vitivinicolo e delle tecnologie dei trattori, che hanno visto un notevole aumento di richieste per gli spazi espositivi.

La Fiera di Santo Stefano non è soltanto un’esposizione di prodotti e innovazioni: è un vero e proprio ecosistema che promuove l’agricoltura sostenibile e l’agrotecnologia. Attraverso workshop, dimostrazioni tecnologiche, show cooking e stand gastronomici, l’evento diventa un luogo di incontro e di scambio per agricoltori, imprenditori, esperti e appassionati, tutti uniti dall’obiettivo di valorizzare il patrimonio agricolo regionale e di promuovere pratiche più efficienti e sostenibili.

Inoltre, la manifestazione si arricchisce di cultura, musica e mostre, offrendo un’esperienza completa che va oltre il solo ambito agricolo. Anche quest’anno, verranno assegnati due premi speciali: il premio “Guerrino Stefanon”, in onore del nostro storico responsabile dell’Area Attrezzature Agricole, sarà conferito allo stand agricolo più interessante, mentre il premio “Milco Anese” riconoscerà l’azienda più innovativa nel campo delle tecnologie.

In conclusione, la Fiera Nazionale dell’Agricoltura di Santo Stefano si configura come un evento di grande importanza per il settore, un crocevia dove passato e futuro dell’agricoltura si incontrano e si fondono, creando opportunità di crescita, innovazione e sviluppo per tutto il territorio.